Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
La gioia della preghiera

1 Aprile : Sant' Ugo di Grenoble - Preghiera e vita

 

Preghiera

 

Deh! Signore, esaudisci le preghiere che t'innalziamo nella solennità del tuo beato confessore e pontefice Ugo e per l'intercessione e i meriti di lui, che seppe servirti degnamente, assolvici da tutti i nostri peccati.

 

 

 

VITA DEL SANTO

Ci sono almeno 16 santi o beati che portano il nome Ugo. 1 due più importanti vissero a poca distanza di tempo e di luogo l'uno dall'altro e la loro vita presenta anche altri aspetti comuni. Si tratta di S. Ugo abate di Cluny, vissuto dal 1024 al 1109, e S. Ugo vescovo di Grenoble, vissuto dal 1053 al 1132. Entrambi abbracciarono molto per tempo, pur tra qualche contrasto, la vita religiosa e il sacerdozio e vennero loro affìdate gravi responsabilità: ad appena 20 anni Ugo di Cluny fu ordinato sacerdote, poco dopo divenne priore maggiore e a 25 anni successe all'abate Odilone: sarebbe rimasto abate per 60 anni; Ugo di Grenoble, dopo aver studiato a Valence e a Reims, dove fu alla scuola di Incmaro e S. Bruno, ad appena 27 anni venne nominato da Gregorio VII vescovo di Grenoble e tale rimase per 52 anni nonostante le sue proteste e i suoi reiterati tentativi di ritirarsi.

Entrambi furono pronti ed efficaci collaboratori dei papi, soprattutto Gregorio VII, Urbano II. Pasquale Il e Innocenzo Il che appoggiarono nella lotta per la riforma e contro la simonia e la corruzione del clero. Entrambi furono i primi a dare testimonianza personale di rinnovamento e di impegno interiore. Entrambi furono propugnatori della vita monastica: Ugo di Cluny fu uno dei principali artefici dell'espansione della riforma cluniacense ai monasteri di mezza Europa. E nei monasteri cluniacensi si faceva sul serio, come poteva testimoniare il rigoroso S. Pier Damiani, che visitò Cluny nel 1063: " Che dobbiamo dire della severità dell'ascesi, della disciplina della Regola, del rispetto per il monastero e il silenzio? Durante il tempo dello studio, del lavoro o della " lectio divina" nessuno osa andare in giro per i corridoi o parlare, se non in caso di necessità... Il servizio di Dio riempie talmente la giornata che, oltre ai lavori necessari per i fratelli, rimane solo una mezz'ora per una semplice conversazione e i colloqui necessari. Essi parlano solo di rado. Durante il silenzio notturno e, nei luoghi regolari (cucina, sagrestia, dormitorio, refettorio e chiostro), anche di giorno si parla solo a segni, i quali sono scelti con tanta severità che in essi non trova posto la leggerezza".

Da parte sua, S. Ugo di Grenoble fu uno degli artefici della fondazione della Grande Certosa: fu lui infatti ad accogliere il suo ex-maestro S. Bruno e a mettere a sua disposizione la montagna di Certosa, presso Grenoble, sulla quale egli, percuotendo la roccia col bastone, come un novello Mosè, fece scaturire una sorgente d'acqua.

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post