Santino su carta non vergata stampato con tecnica xilografica presumibilmente della fine del XVIII secolo raffigurante Santa Brigida con misure 14,5X20 alla stampa 9,5X11,5 incisore anonimo. L'utilizzo di carta molto leggera e fine, considerata per quell'epoca economica e non pregiata veniva utilizzata per quelle immagini prettamente devozionali cioè ad esclusivo uso dei fedeli.

Santino su carta non vergata stampato con tecnica xilografica presumibilmente della fine del XVIII secolo raffigurante Santa Brigida con misure 14,5X20 alla stampa 9,5X11,5 incisore anonimo. L'utilizzo di carta molto leggera e fine, considerata per quell'epoca economica e non pregiata veniva utilizzata per quelle immagini prettamente devozionali cioè ad esclusivo uso dei fedeli.

Oggi in onore della Santa pubblico una rarissima versione tramandata oralmente delle orazioni di Santa Brigida in dialetto siciliano. Sono davvero antichissime e si recitano per 3 anni per ottenere certe promesse indicate nelle versioni più note, ossia quelle tradizionali (1 anno e 12 anni) riportate già nel nostro blog :

 

 

La preghiera recitata per 40 giorni consecutivi come indica l'orazione stessa fornisce comunque dei benefici immensi.

 

Queste si recitano per 3 anni e sono seguite da 7 Padre Nostro e 7 Ave Maria :

 

Parti di Santa Briccita


Briccita santa 'nginucchiunu stava
davanti a un Crucifissu ca chiangiva,
la Santa Passioni cunsidrava,
la cruna di li spini si mintiva,
e cu na manu na torcia addumava,
cu l'antra manu un libbru ca liggiva:
Gesù ti pregu di la me 'ntinzioni:
rivelami la Santa Passioni.
Lu Crucifissu ca c'arrispunniu,
t'annu ca santa Briccita parlau,
ci cuntà li flagelli ca patìu
e la Passioni ci la rivilau.
Briccita cadì 'nterra e scanuscìu,
tuttu lu pettu 'i larmi si lavau.
Briccita do stillariu 'nnammurata
ti vogliu dari socchi ti prumisi,
a cu si penti di li so' piccata
l'abbrazzu e mi lu portu 'mparadisi.
Quannu ddu Giuda maccu mi tradìu 
t’annu du muffuluna mi jittàu, 
chisti sunu li peni ch’haju patutu: 
setti surdati attaccavanu a mia 
Deci pugna a li labbra m'hanu datu 
setti voti cadivu pi la via.
'Nta setti mazzi di spini mi 'nfasciàru 
unu chi mi battìa cu la catina 
non putìa stari susutu a la matina 
ca era niru chiù di lu cravuni. 
'Nta 'dda notti ca mi fracillaru 
tri ossa di la spadda mi niscèru. 
T’annu spuntò la stidda matutina. 
pi 'na parola 'i me' matri mischina 
appi seicentuvinti muffuluni. 
Pilatu s’affaccia’ di lu barcuni 
e contra di li Judei si misi a diri: 
Ch'ancora vi ni vuliti saziàri? 
Chi omu è chissu e lassatulu jiri 
È fracillatu e non po' chiù campari! 
Rispunnìu la turba ‘ncoscienti: 
lu vulèmu nui crucificari 
Comu di novu m'appiru a 'n putìri 
di novu si mittèru a fracillari. 
Quannu a monti Carvaniu mi 'nchianàru 
'na corda a lu coddu m’attaccàru 
e tutti li capiddi mi scipparu 
na cruci nda li spaddi mi minteru 
pi tutta la città mi cunnucèru 
ddà m'hannu datu na spinta mortali 
m'hannu siccatu li nerbi e li vini 
cadìu ddà'nterra cu tutta la cruci 
era tanta pisanti la me' cruci 
la facci e li jinocchia mi scurciài, 
di nudda cosa a mia mi ni dispiaci 
quantu ch’appressu a mia me' matri duci 
acchianava e chiangìa senza cunsolu, 
dicennu : figghiu miu moru moru-. 
Cu pi quaranta jorna si la dici 
la Vergini Maria lu binidici, 
cu pi quaranta jorna la dirà 
peni d'infernu non ni passirà, 
cu pi quaranta jorna la fa diri 
peni d'infennu non ni po' patìri, 
e tri jorna prima di lu so muriri 
Santa Briccita ci lu sapi a diri. 
Chista è a prijera do Signuri nostru, 
dicemmu n’Avirmaria e Paternostru. 

 


Traduzione: 




Santa Brigida stava in ginocchio 
piangendo ad un Crocifisso,
meditava la Santa Passione,
si poneva sul capo la corona di spine,
e con una mano accendeva una torcia, 
con l’altra mano leggeva un libro: 
-Gesù ti prego accogli la mia preghiera, 
rivelami la Santa Passione-. 
Il Crocifisso rispondendo 
alla richiesta di Santa Brigida, 
le raccontò i flagelli che patì 
e le rivelò la Passione. 
Brigida cadde a terra e svenne, 
e riempì il suo petto di lacrime. 
-Brigida, innamorata dello stellario (di Maria), 
ti voglio concedere ciò che ti ho promesso, 
chi si pente dei propri peccati 
io lo abbraccerò e lo porterò in Paradiso. 
Quando Giuda folle mi tradì, 
allora mi diedero due schiaffi, 
queste sono le pene che ho patito: 
sette soldati mi legarono, 
dieci pugni al labbro mi hanno dato, 
sette volte caddì per la via. 
Con sette mazzi di spine mi fasciarono (la testa), 
uno mi batteva con la catena, 
tanto che al mattino non potevo stare in piedi, 
perché ero nero come il carbone (per le tumefazioni). 
In quella notte che mi flagellarono 
mi uscirono tre ossa della spalla. 
Allora sorse la Stella del Mattino.
Per una parola della mia povera Madre 
ebbe (o ebbi) seicentoventi schiaffi. 
Pilato si affacciò al balcone 
e disse ai Giudei: 
“Volete ancora saziarvi? 
È stato flagellato è mezzo morto!” 
Rispose la folla incosciente: 
“Lo vogliamo crocifiggere”. 
Appena mi presero di nuovo 
mi flagellarono ancora. 
Quando al Monte Calvario mi condussero 
mi legarono una corda al collo 
e mi strapparono tutti i capelli, 
mi misero una croce sulle spalle 
e mi condussero per tutta la città, 
là mi diedero una forte spinta 
mi si asciugarono i nervi e le vene (mi dissanguavo), 
caddi a terra con la croce, 
era molto pesante la mia croce, 
la faccia e le ginocchia mi scorticai 
ma l’unica cosa di cui mi dispiaccio 
è l’aver visto la mia dolce Madre dietro me 
che saliva e piangeva sconsolata 
dicendo: “Figlio mio, muoio, muoio”-. 
Chi recita per quaranta giorni questa preghiera 
sarà benedetto dalla Vergine Maria, 
chi la dirà per quaranta giorni 
non passerà le pene dell’inferno, 
chi la farà dire per quaranta giorni 
non potrà patire le pene dell’inferno, 
e tre giorni prima della sua morte 
Santa Brigida lo verrà ad avvisare. 
Questa è la preghiera di Nostro Signore: 
diciamo un Ave Maria e un Padre Nostro.

 

Torna alla home