S.-San-PAOLO-HAHN-MARTIRE-IN-VIETNAM.jpg
 
La storia di questo Santo ricorda sotto certi aspetti quella di San Davide, che attraverso comunque enormi peccati è giunto alla santità...
La via della santità non è fatta di pura perfezione ma passa attraverso gli errori e i peccati: lo si comprende bene guardando la vita di San Paolo Hanh, martire vietnamita ucciso nel 1859.
Era nato in una famiglia cristiana forse nel 1826 in una città dell’allora Cocincina, ma assieme ai fratelli fu per un certo periodo alla guida di una banda di ladri. La conversione del cuore, però, gli costò la vita: quando infatti chiese ai compagni di ravvedersi in seguito a un furto a una donna questi lo denunciarono. Interrogato negò le accuse ma, alla domanda se egli fosse cristiano, non esitò a professare la sua fede.
La sua nuova vita da credente convinto, così, pesò più della sua precedente condotta da brigante: morì in seguito a numerose torture che non gli fecero rinnegare la sua fede. 
 
Torna alla home