25 Luglio : San Giacomo Apostolo (detto il Maggiore) - Preghiere e vita

Preghiera a San Giacomo Apostolo

 

O parente di Gesù Cristo secondo la carne,
e molto più secondo lo spirito, 

Apostolo favorito e famigliare del Signore,
dal quale fosti chiamato tra i primi e Tu seguisti lasciando 
i tuoi parenti, tutti i beni e le speranze della terra.
Per Lui, primo tra gli Apostoli tu desti la vita, e col tuo sangue confermasti
la dottrina del Vangelo che avevi predicato.

Quante volte, o Apostolo glorioso, 
apparisti sui campi di battaglia ai cristiani,
lottando con essi contro i nemici di Cristo e della Sua Croce!
Quante volte li hai sbaragliati e vinti,
dando miracolosamente la vittoria a coloro che si
ritenevano già sconfitti!

O forza dei cristiani! 
O rifugio di coloro che t'invocano e sperano in Te: 
salvaci dai nostri pericoli!

Il Signore ci dia, per Sua intercessione, 
il Suo santo amore e timore, giustizia, pace e vittoria
su tutti i nostri nemici visibili ed invisibili,
e soprattutto ci conceda di poterlo eternamente vedere
e possedere insieme agli Angeli del Paradiso.
Amen.

 

. . . . . . . . . . . . . .

 

 Preghiera a San Giacomo Apostolo

 

Al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, amore infinito, presenza misteriosa e reale, rendiamo grazie per averci donato la Chiesa, feconda di grazia e di santità, e in essa S. Giacomo. O Apostolo di Cristo, facci sentire la gioia di saper pronunciare un si generoso e totale alla chiamata del Signore, così come tu fosti disposto a lasciare tutto, dopo aver ascoltato la voce del Maestro che ti diceva: seguimi! Contemplativo del Signore, prescelto insieme a Pietro e Giovanni ad essere partecipe alla Trasfigurazione di Gesù sul Tabor, dona anche a noi occhi trasfigurati che non vedano "se non Gesù solo" e, pieni di stupore e di adorazione, aiutaci a fare di Dio l'Assoluto della nostra vita. Figlio del tuono, donaci la tua audacia e la tua prontezza nel corrispondere con fedeltà al credo che professiamo, sino a fare della nostra vita un dono per Dio e per i fratelli senza riserve e per sempre. Trasformaci in testimoni di Cristo, credibili fino in fondo, anche quando le ferite del vivere scavano dentro di noi solchi di dolore e sfiducia. Amico di Dio, raccogli il pentimento per i nostri errori ed i nostri peccati, aiutaci a presentarlo al Padre della misericordia, perché graziati dal Signore diventiamo uomini nuovi, capaci di amare sul serio perfino i nostri nemici. Fratello maggiore, sii accanto a noi e sostienici mentre cerchiamo di fare un'esperienza profonda della paternità divina; così ci sentiremo "figli nel Figlio" e un giorno, con tutti i santi, concittadini del Cielo. Amen. 

 

 

sg.jpg

VITA DEL SANTO

 

Viene detto il Maggiore per distinguerlo dall'altro Apostolo di Gesù, Giacomo di Alfeo, detto il Minore. Lui e suo fratello Giovanni, sono figli di Zebedeo, pescatore in Betsaida, sul lago di Tiberiade; vengono chiamati da Gesù, che ha già con sé i fratelli Simone e Andrea e anche loro lo seguono. Di lì a poco nacque il collegio apostolico, con Pietro a capo, seguito da altri 11 fedeli che saranno testimoni della Trasfigurazione di Cristo, della risurrezione della figlia di Giairo e della notte al Getsemani. Grazie alle Sacre Scritture conosciamo anche la madre di Giacomo e Giovanni, Salome che ha lardire di chiedere a Gesù un posto speciale nel regno dei cieli per i propri figli che si dicevano pronti a seguirlo; Gesù le spiegò che il Figlio dell’Uomo è venuto per servire e non per essere servito (Matteo, 20). Giacomo seguirà in tutto e per tutto il Messia, sarà il primo Apostolo a morire martire nel 42, quando il re Erode cominciò a perseguitare alcuni discepoli di Cristo e Giacomo fu proprio ucciso dalle spade dei soldati di Erode. L'ultima notizia sui Vangeli dellApostolo Giacomo è quella del suo martirio, ricordato nel capitolo 12 degli Atti; il re che da il via alla persecuzione è in carica dal 37 ed è odiato e avversato dal popolo, a causa della sua cattiveria e della corruzione, cerca quindi consensi con la condanna a morte dei discepoli di Cristo Si dice che abbia predicato il Vangelo in Spagna e quando quel paese cadde in mano araba, nel IX secolo, il corpo del Santo sarebbe stato portato a difesa del popolo, nel nord ovest del paese, dove sarebbe stato seppellito nel famoso luogo, nominato poi Santiago de Compostela.
Gli spagnoli gli tributano un culto fiducioso ed appassionato, che sarà da sostegno nei terribili anni dell'occupazione araba. La cieca fiducia nel Santo da parte degli spagnoli in difficoltà ha ripercussioni in tutta Europa, tanto che numerosi cristiani cominciano i pellegrinaggi verso le spoglie del Santo a Santiago; la speranza e la passione dei fedeli commuove gli innumerevoli pellegrini che per oltre dieci secoli hanno portato onore a San Giacomo, anche grazie al celebre cammino di Santiago. [fonte:santiebeati.it]

 

Torna alla home