Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
16 giugno 2017 5 16 /06 /giugno /2017 23:00

SanRanieri.jpg

 
 
Preghiera a San Ranieri di Pisa
 
 
Ti ringraziamo, o Dio Padre Santo,
che attraverso i tempi e le generazioni,
arricchisci la tua Chiesa 
donandole i Santi,
segni mirabili di Cristo tuo Figlio.
Ti ringraziamo per San Ranieri,
nostro Patrono:
in Lui ci hai dato un fulgido esempio
di penitenza e di preghiera,
di ricerca sincera della tua gloria
e di attenzione alle necessità dei poveri.
La comunione con Te 
lo spinse al servizio del bene comune
perché la sua Pisa potesse crescere
nella concordia e nella pace;
e nella fede 
ogni cittadino potesse diventare
segno e strumento della umanità nuova
riconciliata nell’amore.
O Padre, accogli la nostra preghiera,
e concedici,
per l’intercessione di San Ranieri, 
di imparare da Lui a cercare Te solo,
a volgerci sempre più 
a Cristo tuo Figlio,
come unico riferimento della nostra vita,
perché forti del tuo Spirito d’Amore,
possiamo essere 
nella Chiesa e nel mondo
lode e gloria del tuo nome.
Amen

 

 

VITA DEL SANTO


Ranieri nacque in una benestante famiglia pisana nel 1118, da Gandulfo Scacceri e Mingarda Buzzaccherini. Fu affiancato negli studi da Don Enrico di San Martino in Kinzica, ma Ranieri era più attratto dalla musica, dal canto e dai divertimenti, a nulla valsero gli sforzi della famiglia per avvicinarlo ad una vita più cristiana. Solo a 19 anni, il giovane Ranieri cambiò improvvisamente condotta; decisivo fu l’incontro con un eremita corso di nome Antonio che lo spinse ad abbracciare la vita cristiana, ponendosi al servizio di Dio. Ranieri partì subito verso la Terra Santa e all’età di 23 anni si liberò di tutte le ricchezze terrene, donandole ai poveri e indossata la veste del penitente, trascorse un lungo periodo presso gli eremiti in Terra Santa, dove si raccontano numerosi segni miracolosi da lui compiuti. Si sottopose a numerose mortificazioni, imponendosi molti digiuni e arrivando a mangiare solo di Giovedì e Domenica; nei 13 anni di permanenza in Terra Santa fu anche continuamente tentato dal demonio, che lui riuscì a respingere sempre. Tornò a Pisa nel 1154, già circondato dalla sua fama di santità e dove continuò ad operare numerosi segni miracolosi; l’ammirazione e la stima dei suoi concittadini lo accompagnarono fino all’ultimo giorno della sua vita, il Venerdì 17 Giugno 1161. I pisani lo consideravano già Santo in vita e alla sua morte, la fama di Ranieri raggiunse anche il resto d’Italia e d’Europa, anche grazie alla famosa biografia del canonico Benincasa, scritta nel 1162, poi tradotta e ristampata per sette secoli. Venne soprannominato “Ranieri dell’acqua”, grazie alla sua abitudine di regalare acqua benedetta ai fedeli, alcuni suoi miracoli poi, sarebbero legati all’acqua, da lui benedetta. Nel 1632, con una manifestazione solenne, l’Arcivescovo di Pisa, il clero locale e il magistrato pisano nominarono ufficialmente Ranieri, Santo Patrono della città e della diocesi. Nel 1689 il suo corpo venne traslato e posto sull’altare maggiore, dove riposa ancora adesso, nella notte della traslazione, tutti i pisani illuminarono le proprie abitazioni, in onore del Santo.

Condividi post

Repost 0
Published by la strada per la felicità - in Preghiere al Santo del giorno
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : La gioia della preghiera
  • La gioia della preghiera
  • : Questo blog nasce dall'esigenza di condividere col mondo una scoperta che mi aiuta nella vita di tutti i giorni e che mi rende una persona migliore: la preghiera... Se volete contattarmi: lagioiadellapreghiera@hotmail.it
  • Contatti

Fateci Uscire Da Qui (Un Libro Che Invito A Leggere Coloro Che Hanno Perso I Loro Cari)