13 Agosto: San Cassiano - Preghiere e vita

Preghiera a San Cassiano

 

Nel nome del Padre, del Figlio, e dello Spirito Santo.
Amen.

 

Gloriosissimo Martire San Cassiano, dall'alto seggio della vostra gloria in Cielo volgete su noi i pietosi vostri sguardi ed otteneteci dal Signore che sempre si conservi fra noi quella Fede che con tante fatiche veniste a propagare in questa vostra Città e che confermaste col subire un sì crudele e lungo martirio. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

 

Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen.

 

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell'ora della nostra morte. Amen.

 

Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

 

VITA DEL SANTO


Il 13 agosto la Chiesa onora la memoria si san Cassiano, uno dei martiri più illustri di Cristo che abbiano sofferto sotto gli imperatori pagani.
Era vescovo di Brescia e suffraganeo dell'arcivescovo di Milano ma, animato da in ardente zelo per la religione cattolica, volle diventare maestro di scuola a Imola, in Italia, e precisamente in Romagna, chiamata allora « Forum Cornelii » dal nome di Cornelio Silla suo fondatore. 
Il poeta Prudenzio - che ne ha narrato la storia, prima in versi e poi in prosa - ne venne al corrente quando, per devozione, si recò in pellegrinaggio alla sua tomba, ammirando un quadro che lo rappresentava, ma anche dal racconto che gliene fece un pio ecclesiastico del luogo.

Eccone in breve il contenuto:

San Cassiano, scacciato dalla sua diocesi a causa della persecuzione scatenata da Giuliano l'Apostata, si rifugiò a Imola. Decise subito di dedicarsi alla educazione dei giovani, perché avrebbe potuto esercitare meglio il suo zelo. Il suo scopo era quello di ispirare loro, assieme alla scienza, i principi della Religione e della fede in Gesù Cristo e, per meglio riuscirci, iniziò a impartire loro i primi rudimenti delle lettere, cioè a leggere e a scrivere. Questo insegnamento glielo impartiva per mezzo di segni che servivano a esprimere molte cose con un solo carattere; in modo da riuscire a scrivere con la stessa facilità con cui si impara a parlare, metodo questo molto in uso a quei tempi. Ma, purtroppo, venne deferito al magistrato della città, che simpatizzava molto per l'Imperatore apostata, che lo fece arrestare e condurre davanti a sé per costringerlo a rinunziare al culto del vero Dio e ad adorare le false divinità. Cassiano rifiutò di sacrificare agli idoli; il giudice allora irritato dalla sua costanza, lo condannò a morte perché colpevole di sacrilegio verso gli dei e perché aveva violato gli editti imperiali.

Il tiranno pensò che il mezzo migliore, per vendicarsi di lui, era di abbandonarlo ai suoi alunni, per la maggior parte pagani. Venne ricondotto quindi alla sua scuola, con le mani legate dietro il dorso e sena abiti. Quella marmaglia di ragazzi si gettò allora su di lui per assecondare il giudice ma anche, forse, per vendicarsi di qualche punizione, certamente giusta e necessaria, che aveva ricevuto. Alcuni gli ruppero le tavolette in testa; altri lo trafissero con mille colpi con uno stilo di ferro, che era come un bulino o un punteruolo e di cui si servivano allora gli alunni per incidere il legno o per scrivere sulla cera. E così lo fecero morire poco a poco con un martirio crudele ed estenuante, perché quei piccoli carnefici non erano capaci di togliergli d'un sol colpo la vita. Languiva tra gli spasimi che venivano continuamente rinnovati e che ebbero termine con l'effusione del suo sangue fino all'ultima goccia. era il 13 agosto, probabilmente del 363. Tutti i martirologi fanno memoria di san Cassiano. Prudenzio gli rivolse una preghiera per chiedergli un felice viaggio a Roma. Essendo stato esaudito, scrisse, come s'è detto, la storia del suo martirio, una volta tornato in Spagna suo paese natale. Brescia lo riconosce come suo Vescovo e la cattedrale di Imola è ancor oggi dedicata a san Cassiano, sotto il cui altare maggiore riposa il suo venerato corpo, riferisce un'antica tradizione.

Torna alla home