Lomi G. A. (1595), Dipinto raffigurante San Cassio che libera un indemoniato

Lomi G. A. (1595), Dipinto raffigurante San Cassio che libera un indemoniato

Preghiera a San Cassio vescovo

con approvazione ecclesiastica

 

O Padre,
tu che hai donato il vescovo san Cassio
come esempio e guida alla Chiesa di Narni,
donaci, per sua intercessione,
di essere Cristiani degni di questo nome.

Egli ci guida nelle vie della storia
con l’esempio vivo di una fede coerente
fondata nel Battesimo, edificata nell’Eucarestia
e resa visibile nella Carità operosa.

Egli ci invita a resistere agli inganni del mondo
con lo splendore della verità di Cristo
nella sobrietà di una vita umile,
nella solidità del matrimonio,
nella bellezza della vita consacrata
e nell’attenzione ai piccoli e ai poveri.

Trinità santissima, fonte di ogni bene,
concedi al tuo popolo di vivere con fede retta,
nella speranza certa ed in carità perfetta
per poter godere della stessa gloria di san Cassio
nella pace gioiosa del tuo Regno.
Amen.

 

29 Giugno : San Cassio di Narni vescovo - Preghiere e vita

VITA DEL SANTO

 

Le notizie più importanti e più sicure intorno a Cassio sono attinte dai Dialogi di san Gregorio Magno (III, 6; IV, 58) e dalla Homilia in Evang. (II, 37) dello stesso. Assai importante come fonte è, inoltre, l'epitafio di Cassio (CIL, X, 2, n. 4164), che è tuttora visibile sulla parete esterna della cappella di San Cassio nel duomo di Narni: nell'epigrafe è Cassio stesso che parla indicando che, davanti al sepolcro dove egli riposa, giace anche Fausta, consorte dilettissima della sua vita, e chiedendo per sé e per lei la preghiera dei visitatori. Per ascendere agli ordini sacri si era separato dalla moglie, ma i due sposi si erano uniti di nuovo nella morte. Sull'orlo inferiore della lastra c'è un alfabeto scolpito contemporaneamente all'epitafio.
Dall'epigrafe apprendiamo che Cassio fu consacrato il 9 ottobre 536 e san Gregorio, lodandolo, dice che visse ai tempi di Totila. Cassio illustrò la sede episcopale di Narni nel tempo delle guerre gotiche e fu uno dei vescovi che, in quel triste periodo di sciagure per l'Italia, attuò con zelo e prudenza le direttive della Chiesa nel ministero pastorale. San Gregorio racconta che nel territorio di Narni un portaspada di Totila, posseduto dal demonio, fu liberato per le preghiere di Cassio.
Per la festa di san Pietro (29 giugno) il santo vescovo soleva recarsi a Roma, ma, avuta la rivelazione che sarebbe morto in quella occasione, desistette dal viaggio; tuttavia, la morte lo colse proprio in quel giorno. San Gregorio narrò al popolo raccolto nella chiesa di San Sebastiano sulla via Appia, come la profezia si fosse avverata dopo qualche anno. L'iscrizione tombale dice che morì il 30 giugno 558. Nelle tragiche circostanze del sacco di Narni fu fatta la traslazione delle reliquie di Cassio e di Giovenale, anch'egli vescovo di Narni, da quella città a Lucca: intorno all'anno del sacco e della conseguente traslazione sono state emesse molte ipotesi (Anal. Boll., XLVIII [1930], p. 409).
Contiene la narrazione di questa traslazione un documento forse del sec. IX o X (in MGH, Scriptores, XXX, pp. 976-83). Cassio è ricordato nel Martirologio Romano al 29 giugno; il suo elogio è stato ripreso dai Dialogi e dall'omelia di san Gregorio Magno. Autore: Filippo Caraffa

Torna alla home