Da “Passio Sancti Ephisi” dal presbitero Marco

 

O Signore Gesù Cristo, generato dal Padre prima dell’inizio del mondo, attraverso l’utero intatto della Vergine Maria, Ti sei degnato di scendere su questa terra e di farti uomo per noi e per la nostra salvezza, e, seguendo la volontà del Tuo Dio Padre, non hai rifiutato di morire per noi; ma sei risuscitato per la nostra gloria e siedi alla destra della potenza di Dio e sei con noi, come hai promesso, fino alla fine dei secoli e darai, dopo il giorno del Giudizio, la beatitudine del corpo e dell’anima.
Esaudisci la mia preghiera e accogli le mie lacrime con la benigna Tua pietà e sii me propizio. Concedi, dunque, o Signore, che io conduca a termine felicemente il cammino del mio martirio che per Te accetto volentieri. Mi assista la Tua Misericordia e l’anima mia non trovi alcun ostacolo.
Il nemico del genere umano non si avvicini a me e non mi tocchi la sua mano ostile. Ti chiedo anche, o Signore, di difendere questa città del popolo cagliaritano dalle incursioni dei nemici e fa che si allontanino dal culto degli idoli e respingano gli inganni dei diavoli e riconoscano come vero, unico Dio, Gesù Cristo, Nostro Signore.
E quanti fra loro soffriranno per qualche malattia, se verranno nel luogo dove sarà posto il mio corpo, per recuperare la salute o se altrimenti si troveranno stretti dai flutti del mare o saranno oppressi da popoli barbari o saranno rovinati da carestie o da pesti, dopo aver pregato me, servo tuo, siano salvi per Te, Signore Gesù Cristo, Figlio di Dio, Luce dalla Luce, e siano liberati dalle loro sofferenze. Tu che con Dio Padre e con lo Spirito Santo nella Trinità, reggi e governi ogni cosa per l’eternità dei secoli. Amen.

 

Torna alla home